Come andare da Città del Messico a Real de Catorce / PARTE PRIMA: San Miguel de Allende

Trascorsi i primi giorni a città del Messico, abbiamo deciso di lasciare la città per andare a nord. Avevo già sentito parlare di Real de Catorce, un paesino a circa 3000 metri di altitudine costruito in mezzo alla roccia, e volevo andarci assolutamente. Volevo però anche fermarmi in alcune città di passaggio, e godermele un pochino, prima di arrivare alla mia meta. Così abbiamo deciso di fare alcune tappe: San Miguel de Allende, Guanajuato, San Luis Potosì, Matehuala e infine Real de Catorce.

Abbiamo deciso di utilizzare il servizio autobus, che qui in Messico è molto sfruttato e costituisce la rete di trasporti più efficiente, soprattutto per gli spostamenti tra stati.

Così abbiamo preso una corriera della Primera Plus, nota agenzia di trasporto che garantisce tratte dirette a prezzi ragionevoli.

PRIMA TAPPA: San Miguel de Allende, stato di Guanajuato.

Abbiamo comprato il biglietto Città del Messico – San Miguel de Allende per 468 pesos a testa, l’equivalente di circa 20 euro (il cambio attuale è 1 € = 23 pesos). Il prezzo non è super economico, però c’è da considerare che il servizio è ottimo: spazi larghi (i posti sono solo 30), sedile reclinabile con tv e cuffie personali, servizi igienici a bordo. 

Prima di salire è necessario passare attraverso un paio di metal detector diversi, oltre ad un controllo dello zaino da cabina. Sembra di dover prendere un aereo, ma almeno si viaggia sicuri!

Un consiglio: comprate i biglietti online, costano meno che allo sportello della stazione. Il mio, ad esempio, sarebbe costato 520 pesos (invece che 468).

Partendo da Città del Messico, si attraversano 2 Stati prima di arrivare a Guanajuato: México e Querétaro.

Durante le 4 ore di viaggio ci si può rilassare e guardare dal finestrino i meravigliosi panorami che offre questa zona centrale del Messico: ampie vallate coronate da colline, spoglie distese di terreno pianeggiante alternate a concentratissimi centri abitati. Ogni tanto, di passaggio, qualche contadino che porta al pascolo vacche o pecore.

Arrivati alla stazione centrale di San Miguel, abbiamo raggiunto a piedi l’ostello in centro (poco più di 2 km). Ci siamo sistemati nel dormitorio e subito dopo abbiamo fatto un piccolo tour del paese.

Appoggiata ad un immagine della catrina all'ostella di San Miguel de Allende
La Catrina Hostel, San Miguel de Allende. Messico, 2021.

San Miguel de Allende è un piccolo paesino molto affascinante, con case super colorate e un saliscendi di strade. Ci sono dei locali in stile saloon che io ho trovato bellissimi, di quelli tipici con le due ante di legno per entrare e il bancone alto, un vecchio barista poco interessato ai turisti e il juke box. 

Le strade sono lastricate di pietre e tutto sembra aver mantenuto la propria identità e cultura nel tempo. Il tempo qui sembra essersi fermato.

San Miguel de Allende è Monumento Nazionale per i messicani, e Patrimonio dell’Umanità per l’UNESCO.

Da vedere sicuramente la Chiesa di San Michele Arcangelo, che sorge nella piazza centrale. Costruita nel 1700 dal fondatore della città, Fra Juan de San Miguel, è una struttura in stile gotico e importante luogo di culto della regione.

facciata della Parroquia de San Miguel Arcángel a San Miguel de Allende.
Parroquia de San Miguel Arcángel, San Miguel de Allende. Messico, 2021.

Ci fermeremo qui un paio di giorni e poi partiremo per Guanajato, la capitale.

Hasta luego!

aurora
aurora

Ciao, sono Aurora - blogger, copywriter e minimalista creativa.
Nella vita scrivo, viaggio, imparo, sbaglio e pongo rimedio agli sbagli.
Amante degli anni '80, della musica new wave e del buon vino.

Articoli: 42

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *